0stephanienaumoskamissaustralia0.jpg

Maggiorate, scoperte e shopping motivazionale

Che significa il titolo del post?
Beh, sono tutte cose concatenate.
Iniziamo dallo shopping motivazionale, che è alla base della crisi esistenziale che ho avuto stasera!

Dovete sapere che da circa 5-6 settimane mi sono messa a dieta: partivo da 86 kili e passa per un’altezza di 170 cm, decisamente troppo per le mie ginocchia malandate, e attualmente ne ho persi 6. Sicuramente i primi kili sono i più facili da buttar giù, tuttavia il mio obiettivo è quello di perdere altri 9 kili nei prossimi 3 mesi; non sarà una passeggiata, ma sono convinta di potercela fare.
Per rafforzare questa mia convinzione, ieri ho deciso di fare un acquisto motivazionale, vale a dire acquistare online due costumi da bagno che adesso non mi entrano, con l’obiettivo di entrarci per fine luglio: non sono una che butta via i soldi, soprattutto i propri, quindi non amo l’idea di spendere un centinaio di euro per nulla.. credo che questo acquisto possa farmi sentire più “responsabile” del mio impegno a perder peso.
Prima di passare alla crisi esistenziale della serata, vi mostro uno dei costumi che ho ordinato 😀 L’altro non me lo vuole linkare!

Io sono una che acquista online senza problemi, prodotti per la casa, make up, piccoli elettrodomestici, vacanze.. però sono restia a farlo con l’abbigliamento per un problema di taglie, anche perchè in genere non conosco la vestibilità dei vari marchi.
Così stavolta ho deciso di ingegnarmi e mi sono data da fare con la guida alle taglie, metri, calcoli, proiezioni e proporzioni.. giungendo alla conclusione che avrei potuto ordinare una taglia M.
Gioia, tripudio e gaudio!
Che si è trasformato in tristezza e disperazione stasera quando, navigando nel web, leggo che, per Alviero Martini, una taglia 44 è già una taglia L.
L.
Large.
Larga.
Una 44.
Al mio grido di dolore nonchè appello disperato su Fb, viene in mio soccorso la mia amica virtuale Fiammetta, mia guida spirituale nel mondo dello shopping vestiario online.
Ed è così che scopro che non solo Martini, ma tante altre marche ormai catalogano L la taglia 44.
Avevo già avuto un’avvisaglia di questo fatto tempo fa, su un articolo di Donna Moderna (QUI), ma ammetto che non credevo fosse una cosa così diffusa.
Nella semplicità della mia mente, è sempre stato 42=s, 44=m, 46=L e via discorrendo: invece no, a quanto pare è tutto cambiato.. adesso la nuova S è la 40, con la 42 sei già “media” e con la 44 sei “larga”.
A me viene in mente un’adolescente (ma tutto sommato vale anche per donne più adulte), di corporatura “normale” e proporzionata, che in un negozio si vede dare una taglia “larga”.. e poi ci stiamo a chiedere come mai si diffondono i cosiddetti disturbi alimentari??
Ci vengono costantemente propinati modelli di magrezza sempre maggiore, e se non ci adeguiamo a questi modelli allora iniziamo ad essere “larghe”, ad essere “morbide”, ad essere “forti”, ad essere “conformate”.. abbiamo meno scelta, meno moda, e se troviamo cose giuste è perchè magari ci siamo rivolte a marche “specializzate” e le dobbiamo pure pagare di più.
Quali sono questi modelli a cui aspirare?
Questo? bellissima di viso ma guardatela.. niente seno, niente sedere, braccine come stuzzicadenti, per non parlare delle ossa del bacino.

E no, non sono invidiosa; voglio dimagrire sì, perchè l’eccesso di ciccia mi sta provocando qualche problema, voglio ritrovare un corpo armonioso e proporzionato, perchè adesso oggettivamente strabordo un po’, ma voglio soprattutto un corpo sano.

Prima di mettere questa foto ne ho viste tantissime altre..ragazze troppo magre, ragazze anoressiche, ragazze denutrite, quasi un’escalation; ho scelto un’immagine tutto sommato molto soft perchè non voglio addentrarmi in discorsi che tratterebbero di vere e proprie patologie, però mi domando se, magari tra una decina d’anni, la nuova “larga” sarà una 42.. e a quel punto quali sarebbero i cosiddetti nuovi modelli?

Confesso che in questo momento mi è passata un po’ la voglia di scrivere, così come mi è passata anche la voglia di fare battute sulla scoperta di essere una maggiorata, visto che la mia terza scarsa evidentemente è diventata una bella quarta, almeno secondo Tezenis (ok, ammetto di non aver mai guardato l’etichetta, andavo semplicemente di L).
Scusate se lascio il post senza un vero e proprio finale, se non traggo conclusioni o se non metto brillanti chiusure ad effetto.. ma improvvisamente mi è venuto l’amaro in bocca.

Ps. giusto per non lasciare discorsi in sospeso: per fortuna era possibile cambiare taglia pure a ordine già inoltrato, ho deciso di “rischiare”  e azzardare la L, quindi la 44.. spero di farcela, e di non rimpiangere di non aver scelto la XL.
E meno male che doveva essere una media..probabilmente 15 anni fa lo sarebbe stata.

Share

You May Also Like

16 comments on “Maggiorate, scoperte e shopping motivazionale

  1. maggio 7, 2012 at 1:09 am

    forza e coraggio sei già stata bravissima a perdere 6 kili in poco più di un mese! Non demordere e quando avrai ottenuto il tuo obiettivo dovrai fare attenzione a mantenerti in super forma!! Per il discorso delle taglie bah… sono allibita… io credevo che 38/40 fossero S, 42/44 una M 46/48 large.. ma poi una 46 entra sempre in una dipende dal capo d'abbigliamento o da come è fatta… booo

  2. maggio 7, 2012 at 7:57 am

    Ciao cara
    prima di tutto ti sostengo a pieno nella scelta di dimagrire per il tuo benessere e non per canoni estetici, perchè il nostro fisico se lo sentiamo ci dice, lascia stare quel determinato alimento perchè metti su un chilo e la schiena poi inizia a farti male. Da due anni ho intrapreso anch'io la scelta di dimagrire perchè se dovessi restare incinta diventerei sferica e la mia schiena urlerebbe così ho perso 7 kg e sto sempre attenta ( come in questo periodo che non so cosa mai sia successo ma ne ho messi su due e voglio perderli al più presto) In questa veste la dieta è intelligente ovviamente non lasciarti condizionare dalle mode inutili e futili, perchè prima o poi si accorgeranno che il bello sta nelle giuste rotondità, una donna armoniosa è una donna che ha culo tette e fianchi. Pensi che queste anoressiche possano diventare madri un giorno?
    Non il bacino strettissimo quindi se dovessero diventarlo avrenno i loro problemi.
    Credo che alla fine l'eccessiva magrezza non è simbolo di bellezza, almeno per una buona quantità di uomini. Loro adorano toccare qualcosa e non stringere solo delle ossa. Baci in bocca al lupo sono con te baci Alex

  3. maggio 7, 2012 at 8:24 am

    dai dai, magari torna anche a me la costanza di stare a dieta…
    bacio
    gaia

  4. maggio 7, 2012 at 8:46 am

    Primo: bravissima per i primi risultati (ma alla fine stai facendo la Dukan??).

    Sulla questione taglie, con me sai bene di sfondare una porta aperta. Tra l'altro mi sono accorta che cambiano da marchio a marchio: nei vari Stradivarius, Pulland Bera etc porto constantemente la L. Da Zara invece la M e, quando sono prodotti fatti in Messico, addirittura la S. Da promod invece calzo la 42, che però diventa una M se sono vestiti..insomma, un delirio!:(

    • maggio 7, 2012 at 10:21 am

      ni.
      diciamo che ne sto seguendo alcuni principi, mitigandoli però.
      Ho ridotto tantissimo i carboidrati visto che ultimamente, tra pasta e riso (non mangio pane) ne consumavo anche 200gr al giorno, di cui buona parte la sera.
      Ho aumentato il consumo di carne e pesce che, effettivamente, era assai scarso.
      Sto attenta a ciò che compro, senza diventare maniacale, ad esempio ho sostituito al gorgonzola i fiocchi di latte, controllo gli apporti di grassi e calorie cercando di non acquistare solo tripudi calorici.
      Consumo più verdura e bevo molta più acqua, prima bevevo davvero poco, e ovviamente ho moderato il consumo di vino a cena.
      Cerco di cucinare in maniera più leggera, con meno cibi cotti nel burro o nell'olio e più cose alla piastra e insaporite maggiormente con erbe piuttosto che intingoli vari.
      Faccio colazione, cosa che prima non facevo, e nel pomeriggio spezzo con uno spuntino leggero.
      Ogni tanto qualcosa di porcoso me lo concedo, non lo nego, però lo faccio raramente e soprattutto in maniera moderata, sia nella quantità che nella frequenza.

    • maggio 7, 2012 at 11:50 am

      Mi sembra un ottimo compromesso, pieno di buon senso!!! Oggi ho iniziato anche io…stasera vi ci faccio finanche un post sul tema;)

    • maggio 7, 2012 at 12:27 pm

      in bocca al lupo hermy.. ti terrò d'occhio 😀

  5. maggio 7, 2012 at 8:53 am

    Io ho un odio profondo verso i signori della moda che si ostinano a affamare modelle per farle vestire taglie impossibili e che poi vanno ovviamente ad influenzare la gente comune, dalle adolescenti che sono le fashion victim per eccellenza, ma ai ragazzi stessi che ora guardando una ragazza di bella corporatura, ma soprattutto SANA corporatura ti dicono: "Guarda che grassa!". Io mi incazzo sempre. Perchè una deve star male e avere disturbi alimentari di vario genere per essre definita BELLA? Per me una così magra da vestire una 40 o meno è orribile.
    Fa bene a mettersi a dieta chi è un po' sovrappeso o chi ha problemi come dici tu, ma una che si sente large perchè veste una 44 è una scema.
    Mi ricordo sempre una frase de "Il diavolo veste Prada" detta da Emily:
    "Ora mi manca soltanto una colite e arrivo al peso ideale!"

  6. maggio 7, 2012 at 10:06 am

    Io, quando sono al mio peso forma, nei miei momenti di massima magrezza vesto una taglia 46, e quindi dovrei essere una XL. Ne consegue che per adesso sono una XXXL. O-O
    Non so che dire…

  7. maggio 7, 2012 at 12:56 pm

    mamma mia questa nn è magra…e una zombie che cammina…io nn la trovo x nulla bella…anzi…fa impressione… brrr…

  8. maggio 7, 2012 at 11:56 am

    Ganzissima per dieta, continua così! Io la comincio e smetto il giorno dopo XD Carino anche il costume, per il discorso magrezza e modelle purtroppo temo sia una causa persa, io da H&M quando trovo una 42 faccio festa…

  9. maggio 7, 2012 at 12:00 pm

    Non ci sono parole sul fatto che ormai le taglie siano così sballate. Una 44 è una Large? suvvia, per me dovrebbe esserlo una 48! cosa vogliono dimostrare questi qui? a parole tutti vanno contro l'anoressia ma poi sguazzano nel produrre modelli che non stanno bene neanche a loro.
    Per il resto…in bocca al lupo per la dieta!

  10. maggio 7, 2012 at 1:26 pm

    sono con te e tifo per te!la mia tecnica invece è questa:da tempo non mi entrano i miei adorati jeans nel senso che non passano proprio dalle cosce…e non parlo di un paio ma praticamente di tutti quelli che possiedo tranne tre/quattro paia…mi sono imposta di non acquistare niente di vestiario almeno finché non riusciro' a rientrarci!

  11. maggio 7, 2012 at 5:38 pm

    Dai, forza e coraggio, chi se ne frega se una 44 è già considerata larga! Le osse le succhiano i cani, agli uomini piace avere qualcosa da toccare senza avere paura di rompere!

  12. maggio 11, 2012 at 12:11 pm

    E' una vita che combatto con le taglie ed il peso..ormai sono a dieta da quasi un anno ma per perdere tutti i kg che dovrei dovrà passare ancora tanto tantissimo tempo perché ormai dopo varie volte che ho provato a stare a dieta ho capito che in inverno io non calo e devo aspettare l'estate O_O comunque sia tornando alle taglie trovare vestiti belli e non deformati per una taglia 54 come me è veramente difficile, perché come dicevi anche tu, o spendi una fortuna oppure bisogna vestirsi con dei capi orrendi e mi sono veramente che ha noi ragazze e donne grosse devono propinarci sempre magliette che sembrano tendoni da circo e pantaloni che vestono uno schifo perchè fanno gli sbecchi ovunque…
    Anche io come te ho deciso di stare a dieta principalmente per la salute però spero che un giorno ci sarà più possibilità ti trovare taglie grandi e ben fatte senza dover vendere un rene per poterli comprare i vestiti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *