Jean-Michel-Karam

Eventi – IOMA Paris Skincare su misura

Il 2015 è iniziato con una nuova conoscenza, un brand per me del tutto nuovo ma già ben affermato nel panorama cosmetico internazionale: Ioma Paris, famoso non solo in Francia ma in ben 14 Stati tra Europa, Stati Uniti e paesi Asiatici, sbarcato in Italia la scorsa estate in esclusiva nelle profumerie Marionnaud.

Ioma Paris nasce dall’incontro di due menti, una tecnologica e una dedita alla ricerca cosmetica: Jean Michel Karam, talento mondiale pluripremiato nel campo della microelettronica, e Véra Strubi, esperta di cosmetica dal forte spirito creativo e innovatore; affiancati da un team di ingegneri, informatici, designer, ricercatori e dermatologi, nel 2010 lanciano IOMA con una mission ben precisa: offrire ad ogni donna un’esperienza unica e del tutto personalizzata di bellezza.


Ioma offre un servizio davvero unico, basato su una tecnologia di altissimo livello: grazie ad apparecchi di misurazione cutanea che utilizzano i MEMS (componenti elettronici miniaturizzati di grande complessità, già usati in diversi rami dell’industria) è possibile misurare contemporaneamente più parametri della cute in maniera del tutto affidabile.

Il risultato è un’analisi della pelle basata su 7 parametri:

  1. livello di idratazione,
  2. presenza di linee di espressione,
  3. profondità delle rughe e compattezza della pelle,
  4. presenza e livello di rossore,
  5. quantità di attività batterica,
  6. eccesso di sebo,
  7. macchie pigmentarie.
Questi parametri vengono sintetizzati in un numero, lo Ioma Skincode, una combinazione che definisce la nostra pelle e le sue necessità in maniera assolutamente unica e precisa, e che è tanto migliore quanto le cifre che lo compongono tendono all’1.
In base allo Ioma Skincode viene elaborata una Combinaison Beauté che individua sia  la combinazione dei vari prodotti Ioma più adatti alla nostra beauty routine ideale, sia i parametri per creare Ma Crème.

Sì, non a caso ho utilizzato la parola “creare”, perchè Ma Crème viene letteralmente composta sotto ai nostri occhi dall’esperta Ioma, in base alle indicazioni fornite dallo Skincode e quindi sulle specifiche esigenze della nostra pelle, così come risultano dall’analisi personalizzata; praticamente, su una base vengono miscelati 8 principi attivi puri in quantità variabili e con una concentrazione altissima, anche fino al 20%.
La base attiva si declina nella versione da giorno, più fluida e leggera, e in quella da notte, più ricca e rigenerante; entrambe contengono Neutrazen, un peptide ad alta efficacia che diminuisce il tasso di sensibilità della pelle, e la Vitamina E, che protegge la pelle dai radicali liberi e previene l’invecchiamento cutaneo.

Gli 8 sieri offrono una concentrazione massima di principi attivi, agendo in sinergia e con precisione per correggere le imperfezioni di ogni pelle.
3 sieri hanno una potente azione idratante su misura (idratazione anti aging, idratazione auto-regolata, idratazione a lunga durata) mentre gli altri 5 sieri hanno un’ azione rigenerante multipla e sinergica (focus su elasticità e compattezza, ridensificazione, effetto distensore, rinnovamento cellulare, compattezza ed effetto lifting).

Ma come funziona in pratica?
Io l’ho provato e ve lo mostro!
Come prima cosa, dovete recarvi in una profumeria Marionnaud, ovviamente dopo esservi assicurate della presenza dell’apparecchiatura Ioma e dell’esperta, presenti solo in una cinquantina di punti vendita.
L’analisi della pelle si svolge in maniera rapida e non invasiva: tramite una serie di foto e con l’ausilio di sonde per l’analisi microscopica della pelle, la macchina analizza ed elabora in maniera dettagliata il vostro profilo cutaneo.

*attenzione, carrellata di faccioni in arrivo!*
Ogni parametro viene valutato con un numero a 1 a 15: più ci si avvicina all’1, meglio è.
Come potete vedere, le mie problematiche maggiori riguardano l’idratazione o meglio, la sua assenza, strettamente legata anche alla presenza di rughe sulla fronte, e i pori ostruiti; significativa anche la valutazione del mio grado di rossori cutanei, di attività batterica e di presenza di rughette sottili; invece, per fortuna, non patisco particolari desquamazioni, ho una pelle soda non soggetta a cedimenti, poche macchie e, anche se dalla foto non si direbbe, poche occhiaie.
Insomma, diciamo che non sono del tutto un rottame, dai 😀

 

 

 

 

 

 

Viene quindi eleborato (e stampato) lo Ioma Skincode, che include sia i dati per poter creare Ma Crème, sia i prodotti Ioma consigliati per una beauty routine su misura.

 

La macchina cataloga e memorizza la diagnosi, che, volendo, può essere salvata anche nell’app Ioma Paris (disponibile sia per Apple che Android): in questo modo è possibile comparare il proprio Ioma Skincode di partenza a quello ottenuto dopo 4-6 settimane di trattamento.
I risultati dei trattamenti Ioma sono misurabili ed è sempre possibile seguire l’evoluzione della propria pelle.
Io ho già iniziato ad usare la mia Ma Crème e quando finirò la confezione andrò a fare una nuova diagnosi della pelle per vedere i miglioramenti raggiunti e in che quantità: sono davvero curiosa!

 

Immortalata a tradimento mentre gozzoviglio…ehm, mentre ascolto le spiegazioni dell’esperta Ioma

 

 

Share

You May Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *