,

In genere non faccio questa tipologia di post qui sul blog, limitandomi a condividere alcune immagini della mia vita extra-beauty su instagram, tuttavia ho pensato che potrebbe essere utile a chi di voi volesse venire a passare qualche giorno a Milano e cercasse qualche posto particolare in cui mangiare. Tra l’altro non sapete che, prima

Share
,

All’inizio fu Real Time, che fece conoscere al grande pubblico Buddy Valastro.* Da lì in poi, è stato un crescendo di pasticceria creativa, e oggi si trovano torte e creazioni in pasta di zucchero per ogni dove. E io, forte della mia manualità pari forse a quella di un bradipo alcolizzato, potevo forse non cimentarmi

Share
,

e di Vanilla Bakery! Il post di oggi è un po’ diverso dal solito: niente make up ma solo tanta dolcezza! Una delle cose che amo di Milano è che a volte puoi trovare angolini insospettati e, in questo caso, anche deliziosi: entrare da Vanilla Bakery Milano è un po’ come entrare in una favola, in

Share
,

Un paio di settimane fa ho compiuto gli anni e una parte del regalo di mio marito consisteva nella cena presso il mio ristorante preferito, Tano passami l’olio: visto che alcune di voi mi hanno chiesto il reportage fotografico, eccovi accontentate 🙂 La cucina dello chef Gaetano Simonato è sicuramente creativa, con un gioco di

Share
,

Uno dei piatti che più ho gustato durante le ferie (diciamo nella misura di.. ehm.. 4-5 porzioni al giorno) è il gazpacho, una zuppa fredda a base di verdure, originaria dell’Andalusia, in Spagna. E’ un piatto leggero e rinfrescante, ed è l’ideale per l’estate! Le dosi che vi dirò man mano vanno bene per 4

Share
,

Era da un po’ che non vi postavo qualche ricettina: questa è facilissima, adatta ad un pranzo veloce ma tutto sommato sostanzioso.. e, ovviamente, gustosissimo! L’ingrediente speciale di questa insalatona è l’alga nori: se siete mangiatrici di sushi avete già capito, si tratta di quell’alga nerastra con cui vengono fatti i rotolini (maki), piuttosto che

Share
,

Ricettina veloce e basica per un pranzo flash: la terrina di surimi. Vi servono solo 8 bastoncini di polpa di granchio (surimi), mezza vaschetta di Philadelphia Light o formaggio simile, e due uova. Come prima cosa sminuzzate il surimi e mettetelo in una terrina. A parte, sbattete le due uova con il formaggio: attente a

Share
,

Sono decisamente una risottara e oggi vi propongo un abbinamento che mi piace particolarmente, un po’ diverso dal solito: il risotto all’arancia. Io ho usato 200 gr di riso carnaroli e un’arancia Tarocco (le preferisco sia per il sapore che per il fatto che sono belle succose!). La prima cosa da fare è lavare accuratamente

Share
,

Eccomi con una nuova ricettina, che altro non è che la cena di stasera 🙂 In effetti, l’idea era quella di un risotto noci e zola, peccato che mentre mi accingevo a cucinare, mi sono accorta di non avere le noci.. in compenso ho scoperto di avere un sacchetto di nocciole, quindi ho fatto l’equazione

Share
,

Era da un sacco che non vi proponevo una ricettina nuova! Cioè, questa non è proprio nuova perchè l’ho fatta già da un bel po’, ma non riuscivo mai a trovare il tempo per postarla.. questo mese si sta rivelando davvero pesante e stancante, lavorativamente parlando, e vi confesso di essere abbastanza in fase zombizzante.

Share