Illuminare casa: la mia nuova fissazione!

E’ da un po’ di tempo che sto accarezzando l’idea di cambiare casa, più che altro perchè mi piacerebbe avere più spazio, con una terza camera, una cucina più grande e un terrazzo: non so se riuscirò a concretizzare quest’idea, soprattutto perchè una casa che racchiuda tutti i desiderata miei e di mio marito pare non esista o, quanto meno, che non sia in vendita 😀 Come soddisfare la mia voglia di cambiamento? Semplicemente, ho iniziato ad apportare un po’ di upgrade in casa, anche perchè quando l’abbiamo ristrutturata e arredata, ormai 10 anni fa, il budget a disposizione era quello che era e non potevamo fare grandi voli pindarici! Così, ho iniziato prima con una mega postazione make up (:D), il divano nuovo – movimento relax tutta la vita! – poi un super materasso Tempur grazie al quale riesco finalmente a dormire senza svegliarmi più stanca di prima, e l’ultima new entry, una mega smart tv, talmente smart che dopo settimane di uso devo ancora capire bene le funzioni del telecomando.

Sempre nella scia del rinnovamento, ora sto iniziando a studiarmi un po’ il modo migliore per illuminare casa: chiaramente ho già lampade, lampadari e piantane, ma oggettivamente sono state messe un po’ a caso, comprate anche in momenti diversi, senza un filo conduttore a livello di estetica e senza che dietro ci fosse uno studio o un vago progetto di illuminazione.

In effetti, la luce è un vero e proprio elemento di arredamento: crea atmosfera, amplifica la percezione degli spazi, sottolinea una determinata zona e naturalmente può essere decorativa, per questo motivo ad ogni ambiente della casa bisognerebbe abbinare uno specifico tipo di illuminazione.

Il salotto è probabilmente il cuore della casa ed è senza dubbio l’ambiente in cui si passa più tempo; si tratta di un luogo polifunzionale, può essere una sala da pranzo, ci si può rilassare leggendo o guardando la tv, può essere un luogo di conversazione quando si accolgono ospiti. E’ un ambiente versatile e in quanto tale dovrebbe essere anche l’illuminazione, costituita da una luce centrale e da diversi punti luce, magari dimmerabili e ad altezze diverse, in modo da creare ogni volta la giusta atmosfera.

Mi piacerebbe uniformare lo stile del mio salotto (che per ora è un po’ un’accozzaglia), e attualmente in pole position ci sono le linee di lampadari Philips Lighting: già il nome è garanzia di qualità, ma ammetto che prima che mi regalassero una lampada da tavolo LivingColors, di Philips Lighting appunto, non mi ero resa conto che il brand avesse anche un’intera gamma di prodotti per illuminare casa: sarà che lo associavo solo ai televisori, alle attrezzature audio e ai prodotti di cura della persona! In realtà, andando a curiosare sul sito, ho trovato lampadari, piantane, applique, faretti e lampade da tavolo, tutti caratterizzati da linee moderne e minimal… insomma, niente lampadari della nonna 😀 Inoltre, sapete che ho una certa sensibilità alle tematiche legate alla sostenibilità ambientale e non vi nego che poter illuminare casa con lampade e lampadari progettati anche per il risparmio energetico è senza dubbio una prospettiva interessante.

illuminare casa

Un altro ambiente che vorrei migliorare è la camera da letto, perchè la mia è fin troppo illuminata: il che non è assurdo come può sembrare, dato che in camera da letto la luce dovrebbe essere morbida e accogliente, rilassante; anche in questo caso, un lampadario a intensità di luce variabile potrebbe rappresentare una buona soluzione e devo dire che una cosa carina che ho visto sul sito di Philips Lighting è che i vari sistemi di illuminazione sono già suddivisi in base alle stanze della casa in cui possono essere applicati, in pratica un primo aiuto a chi, come me, non sa bene da che parte iniziare.

Insomma, come potete notare sto cercando di farmi una cultura su quali siano le migliori tecniche per illuminare casa: sembra una banalità ma non lo è per nulla, bisogna valutare posizioni, dimensioni, tipologie di luce emessa e soprattutto scegliere qualcosa di armonioso non solo con lo stile di arredamento già presente ma anche con le dimensioni e i colori delle singole stanze. Insomma, direi che mi aspetta un bel lavoro!

 

Share

You May Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.